OVS lancia la seconda edizione di Arts of Italy

(Autore:Laura Seguso)
È giunto al secondo appuntamento il progetto OVS Arts of Italy. Dopo il successo della prima edizione, lanciata lo scorso anno, per l’edizione 2017, in collaborazione con il curatore del progetto Davide Rampello e il suo team, OVS ha scelto di raccontare le arti decorative.

Gli intarsi in madreperla di un cammeo. Gli arabeschi dipinti su un piatto di ceramica. Una corazza finemente cesellata. Una coppa smaltata. La pagina miniata di un manoscritto. Un arazzo intessuto di storie. La lavorazione in rilievo di una corona d’oro. Un immenso patrimonio di manufatti, che hanno segnato la storia dell’arte e dell’artigianato italiano. Leghi, metalli, ceramiche, tessuti, pietre sono i materiali che, grazie al lavoro straordinario di artisti-artigiani, hanno dato vita a vere e proprie opere d’arte che per secoli hanno abbellito e decorato chiese, palazzi reali e ville nobiliari.

Da questi elementi trae ispirazione la capsule Donna/Uomo in edizione limitata, in vendita dal prossimo 20 Maggio in alcuni selezionati store e online su ovs.it. Ilricavato di questa capsule, unitamente ad una raccolta fondi attivata negli store OVS, sarà devoluto per ridare vita a opere artistiche e monumenti che necessitano di tutela. Quest’anno il marchio leader del fast fashion italiano ha scelto di sostenere Norcia, uno dei paesi simbolo del terremoto che ha colpito il centro Italia. Grazie alla collaborazione della Soprintendenza dei Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria e dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze contribuirà al restauro del dipinto del XVII sec. “Madonna col Bambino in gloria, Santa Scolastica e altri Santi” della Basilica di San Benedetto da Norcia, gravemente lesionato durante il recente sisma. A questo restauro si aggiungerà l’erogazione di borse di studio Arts of Italy alla Scuola di Alta Formazione dell’Opificio delle Pietre Dure, per sostenere in modo concreto le attività di restauro e far proseguire l’eccellente tradizione che il nostro paese vanta in questo settore.

“Per questa edizione di Arts of Italy ci siamo ispirati ad uno straordinario patrimonio, quello delle arti applicate italiane – afferma Davide Rampello – il cui valore intrinseco non risiede unicamente nella bellezza degli oggetti in sé, ma sopratutto nell’estro e nella sapienza manuale di chi li ha ideati. La definizione di queste arti risale al Rinascimento, quando proprio per via del loro carattere manuale vengono distinte dalle arti figurative come pittura, scultura e disegno, per essere relegate nelle botteghe e venire etichettate come attività artigianali. Purtroppo l’aggettivo decorativo è spesso stato sinonimo di futilità e frivolezza ornamentale, in realtà soltanto guardando oltre il solo aspetto estetico dell’opera si riconosce il valore dell’abilità manuale e della straordinaria creatività competente che si cela dietro l’unicità del fatto a mano”.

“L’artigianalità è un valore distintivo all’interno della grande tradizione manifatturiera italiana – afferma Stefano Beraldo, AD di OVS. Abbiamo condiviso con Davide Rampello l’idea di ispirarci creativamente alla straordinaria importanza delle arti decorative nella millenaria storia della cultura italiana per questa seconda edizione di OVS Arts of Italy. Il nostro vuole essere un omaggio alle arti e ai mestieri che affondano le proprie radici nelle botteghe medioevali e che rappresentano un’ulteriore testimonianza di come il concetto di bellezza sia parte integrante del DNA culturale italiano. Quest’anno abbiamo deciso di dedicare il progetto a Norcia, con una raccolta fondi destinata al restauro di un opera d’arte lesionata durante il recente sisma e una serie di iniziative tra cui una marcia amatoriale e una mostra mercato dei prodotti locali che si terrà proprio in quel territorio”.

Per comunicare Arts of Italy, OVS ha scelto un front row di testimonial italiani: la cantante Emma Marrone, le attrici Ambra Angiolini e Valeria Solarino, lo scrittore Luca Bianchini, lo chef Davide Oldani e il regista Giovanni Veronesi che realizzerà un “corto” dedicato al progetto.

Fonte:gdoweek.it